Sono figli vostri. Il libro di Claudio Gerbino

Copertina-libro-GerbinoE’ ormai chiaro che lo strapotere dei media, per le famiglie che intendono adottare un approccio consapevole all’educazione, è davvero incontenibile. E lo sappiamo bene: il problema è culturale. Non c’è giorno, infatti, che noi genitori non ci troviamo – letteralmente – a combattere con la limitata autonomia dei nostri figli.

Il libro di Claudio Gerbino, Sono Figli Vostri, affronta proprio questo tema, sostenendo che è proprio il sistema educativo proposto ai nostri ragazzi a non renderli autonomi. Una lettura illuminante e sempre ben documentata, condotta con il supporto del lungo lavoro svolto in anni di consulenze a scuola, e corredato da un discreto numero di schede proposte ai ragazzi. Claudio Gerbino è psicologo e psicoterapeuta, nonché direttore del Centro Koinè di Psicologia e Scienze dell’Educazione, attivo da anni nel settore con una vasta esperienza di supporto alle scuole.

Il libro analizza la cultura proposta dai mass media, indubbiamente capace di condizionare i nostri ragazzi, principalmente attraverso la televisione. Ma anche  videogiochi e social network fanno la propria parte: l’accento si pone non solo sul linguaggio violento, ma anche sulla preponderanza di contenuti leggeri, di uno stile di vita essenzialmente basato su un approccio superficiale e poco approfondito. L’uso distorto del linguaggio è solamente uno degli strumenti di condizionamento, ed è per questo motivo che in tutto il libro, che vale la pena di essere letto solo per questo, il lessico usato viene sempre corredato della opportuna definizione da dizionario.

Anche la scuola versa nelle medesime condizioni, mentre da un lato gli insegnanti reclamano a gran voce un disperato bisogno di aggiornamento, dall’altro si trovano a fronteggiare una scuola che sta diventando “azienda”, con il preside che diventa “dirigente scolastico”, che è chiamata essenzialmente a “far quadrare i conti”. E, per farlo, spesso si trova ad abdicare alla propria funzione educativa. Conta, a scuola, il programma, la rapidità di esecuzione, il minor tasso di abbandono, il far quadrare i conti con il sistema degli insegnanti precari a vita. A farne le spese, va da sé, sono proprio i nostri ragazzi. Nei racconti proposti dal Dott. Gerbino gli studenti alla fine del curriculum scolastico e cioé al quinto anno delle superiori, appaiono invariabilmente disorientati, se non addirittura impauriti, rispetto ad un futuro che appare nebuloso. Alla fine degli studi, nel punto di massima capacità, i nostri figli si trovano in una condizione di miseria di competenze, una dolorosa realtà con cui devono fare i conti quando, invece, avrebbero bisogno di un bagaglio per affrontare la vita.

Il Dott. Gerbino traccia un quadro dei “cattivi maestri” per i nostri ragazzi, e cioé di quella nutrita schiera di politici e rappresentanti delle religioni che certo non li aiutano ad essere autonomi. Avrete capito che, in questo senso, il libro non può che prendere posizione. E, si badi bene, non si può dire che sia “schierato”. Le argomentazioni proposte sono ben documentate e corredate di tutte le evidenze non solo fattuali, ma anche di analisi comportamentale. Impossibile non evidenziare il linguaggio ed il comportamento di alcuni politici e di alcuni religiosi, che a parole vogliono aiutare i nostri ragazzi ma che, nei fatti, li rendono addirittura oggetti da “spendere” o merce di scambio. Il libro indirizza in modo molto preciso e rigoroso questi temi, tracciando un quadro di chi ci governa – anche psicologico- decisamente preoccupante.

Un libro tutto da leggere, perché il cambiamento deve partire da noi padri e madri di famiglia:  sono proprio le famiglie che, spesso e in favore di un pragmatismo da vita quotidiana (“non posso vedere il TG, si sentono solo brutte notizie”) , non forniscono modelli culturali alternativi ai propri ragazzi.

Letteralmente folgorato dalla lettura di “Sono figli vostri”, ho proposto un intervista di approfondimento al Dott. Gerbino, il quale ha cortesemente accettato e sarà ospite del nostro blog a breve.

-> Vai alla scheda del libro su IBS

-> Vai al sito di Koinè

Share
Questa voce è stata pubblicata in Redazionale, Teoria e Pratica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *